Studenti al lavoro con la Stampante 3D!

Tra le tante migliorie organizzative e tecnologiche implementate negli ultimi mesi dal Dirigente Scolastico, l’Istituto Comprensivo di Maida si è dotato di una stampante 3D* con lo scopo di aumentare il ricorso a una didattica laboratoriale innovativa con cui accrescere le capacità degli studenti in termini di creatività, progettazione, ragionamento critico e spaziale. Gli alunni hanno avuto modo di potenziare la loro abilità di interazione con le tecnologie digitali più innovative e l’informatica in generale, con apprendimenti che saranno utili anche nel loro prosieguo scolastico e lavorativo.

Nella fase di sperimentazione iniziale, rivolta alle classi seconde e terze della scuola secondaria, gli studenti sono stati formati su come utilizzare software gratuiti di disegno assistito dal computer (SugarCAD e TinkerCAD) e hanno progettato e creato al PC svariati oggetti tridimensionali che saranno stampati in 3D con la nuova stampante della scuola. Di seguito si riportano alcuni dei progetti realizzati dai nostri alunni e seguiranno ulteriori foto delle stampe 3D.

Quanto prima anche gli studenti più piccoli della scuola primaria potranno esprimere al meglio la loro creatività e interfacciarsi con la spazialità degli oggetti (partendo da disegni 2D e trasformandoli in 3D attraverso opportune operazioni di estrusione).

*L’ambiente di stampa è protetto da contatti accidentali e l’involucro totalmente chiuso della stampante, insieme al sistema di filtraggio dell’aria a carboni attivi, garantisce l’assenza di odori e consente agli studenti di osservare la fase di stampa in totale sicurezza. Il dispositivo funziona con resine fotosensibili e indurenti ai raggi UV (più sicure e quasi inodori rispetto alle tradizionali stampanti con filamento plastico riscaldato a elevate temperature). La precisione di tale tipologia di stampante consente di apprezzare dettagli nell’ordine del decimo di mm, come osservato con gli alunni con il primo modello di stampa (ancora da rifinire e pulire) realizzato a scuola e riportato nella seguente immagine.

Potrebbero interessarti anche...

Skip to content